IL PLI.SIEN .IT

Novellette di San Bernardino

Tratte da: G. Carabba editore - Lanciano, stampa 1916

Ricerca  

novellette
Apologhi e novellette

Madonna Saragia

Doh! io ti voglio dire quello che intervenne una volta a Siena. Elli fu una madonna Saragia, la quale era molto ghiotta delle saragie marchiane; la quale aveva una vigna, sai, costí fuore verso Munistero. E venendo colà di maggio il mezzaiuolo a Siena, dice madonna Saragia a costui: "O, non è anco delle saragie alla vigna?" Dice il mezzaiuolo: "O, io aspettavo che elleno fusseno un poco piú mature." Ella disse: "Fa che sabato tu me n'arechi, altrementi non ci arivare." Egli ne le promisse. El sabato elli ne tolse uno panerotto e impiello di saragie, e viensene a Siena, e portalo a madonna Saragia. Come ella il vide, ella li fece una festa, e piglia questo paniere. "Tu sia el molto ben venuto! Oh quanto ben facesti!" E vassene in camera con questo paniere, e comincia a mangiare di queste saragie a manciate. Elleno erano belle e grosse; erano saragie marchiane. Infine ella ne fece una corpacciata. Tornando el marito a desinare, la donna recò a tavola una canestrella di queste saragie, e diceli: "Elli ci è venuto il mezzaiuolo, e hacci recato parecchie saragie." E come ebbero desinato, ella recò queste saragie e cominciaro a mangiare, presente il mezzaiuolo. Ella mangiando di queste saragie, pigliava la saragia e davavi sette morsi per una; e mangiandole, costei disse al mezzaiuolo: "Come si mangiano le saragie in contado?" El mezzaiuolo disse: "Madonna, elle si mangiano come voi le mangiavate dianzi in camera, a manciate." Ella disse: "Uh trista! che dici tu? che tu sia tristo." "Madonna, cosí si mangiano, com'io vi dico." Ecci qui madonna Saragia che si mostra cosí schifa, e fassi tanto della lònga, che si fa una coniglia, ed è una porca? Se tu sei cosí fatta, per udire tu t'amendarai e diventarai buona, avendo tu buona condizione; ma se sarai di cattiva condizione, tu dirai: — Io non vi voglio andare piú, e vorrò fare a mio modo. — Chi sarà cattivo, farà peggio che mai; ma chi sarà buono, s'amendarà, e avrà caro il mio dire, e pigliaranne buono essemplo.


E questo è quanto dal mio lato, e dal tuo tu debbi udire senza scandalo e con fede.

novelletta precedente novelletta successiva
novellette
  • Good&Cool
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies e altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra informativa sui cookies.
OK