IL PLI.SIEN .IT

Novellette di San Bernardino

Tratte da: G. Carabba editore - Lanciano, stampa 1916

Ricerca  

novellette
Esempi e detti morali

Contro le vanità donnesche (XIII)

Ode, figliuola, e vede, e intende e inchina le tue orechie a quello ch'io ti dico. Ode quello che tu debbi udire, e vede quello che tu debbi vedere. Pone mente a quello che è la tua salute: guardati da tali r..., quando elleno t'entrano in casa, che sempre si ingegnano di favellare quando non v'è la madre; e la fanciulla che non è sperta di questo mondo, non le cognosce, che è pura e senza malizia. Vuoi tu che io te l'insegni a cognoscere? Guarda quando niuna ti viene in casa, e pone mente a questo ch'io ti dico. Comunemente elle sogliono andare quando non v'è la madre: questa è la loro usanza, e sogliono portare in braccio uno paneruccio, nel quale sempre portano cotale ampolluzze da lisciare, e sogliono tenere questo modo. Come ella giògne, si porrà a sedere con teco, e dimandati come sta la tua madre, e dove è ella. Poi cominciare a mirarti in viso, e porràti mente a tutta la persona. E sogliono dire: "Oh come stai tu! Tu non t'assetti, tu non t'aconci: tu pari pure una bestia, e non mi pare che tu ti curi come tu ti stia! Va' in buon'ora, va': fai che tu stia assettata, che tu paia quella che tu se'. Tu se' la piú bella figliuola di questa terra, e tu stai a la guasta come una pecora." E la fanciulla che non sa piú là, risponde il meglio ch'ella sa. Ella si riza e diceli: "Io ti voglio acconciare di mia mano;" e aiutala e insegnale com'ella si lisci; e in ciò che ella fa, ella la loda. "Oh, tu se' bella! Tu mi pari a me la piú bella figliuola ch'io vedesse mai!" E falla saltare da l'alegrezza, che comunemente le fanciulle vogliono esser lodate de la bellezza. E come l'ha parlato cosí un poco, ch'elle si so' dimesticate di favellare, e ella le comincia a dire l'ambasciata, e prima vuole esser pagata o d'ariento rotto o di carne salata o di salsiccie o di farina o di vino o d'olio o di pane. Mai non si sogliono partire, se non hanno qualche cosa: sempre s'ingegnano di furare. E poi le comincia a dire: "Io t'ho recata una buona novella: egli è uno che ti vuole il maggior bene del mondo, di buono amore." E sempre v'atacano el buono amore. Sai che se lo' converrebbe fare a queste cotali? Come alcuna altra fece, che come una le cominciò a favellare di queste cose, ella le diè una carica di bastonate. Un'altra fu che quando una l'aveva favellato, e la fanciulla chiamò una brigata di fanciulli e disse lo': "Andate a casa da la tale con questo fastello de la paglia e mettetelo nell'uscio." E de' lo' uno fastello di paglia, e cosí fu fatto, e arsele la casa.

novelletta precedente novelletta successiva
novellette
  • Good&Cool
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies e altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra informativa sui cookies.
OK