IL PLI.SIEN .IT

Novellette di San Bernardino

Tratte da: G. Carabba editore - Lanciano, stampa 1916

Ricerca  

novellette
Apologhi e novellette

La buona corazza

Vedeste voi mai niuna corazza buona? Sapetela voi cognòsciare? — None? — Sí, io. Quando io fui a Milano, io la imparai a cognòsciare da uno perfetto maestro, e dissemi la ragione a volerla fare buona, come ella voleva essere fatta. E dissemi che a volerla buona, non voleva essere né d'acciaio né di ferro. O di che la faremo dunque? Dissemi che voleva essere fatta in questo modo: che voleva essere da l'uno lato acciaio e dall'altro di ferro. E volevasi fare in questo modo, che si voleva fare piastre d'acciaio puro e piastre di ferro puro. Se fusse tutta di ferro, non sarebbe forte, che 'l guirrettone la passarebbe; e se fusse tutta d'acciaio, la percossa della lancia o d'altro la spezzarebbe. E però si voleva fare dell'uno e dell'altro, cioè di fuore l'acciaio e di dentro il ferro, e bàttare insieme l'uno coll'altro, e farne uno corpo, ed in quello modo sosterrebbe alla percossa, ed anco non passarà mai il ferro: una alteri coniungitur; e cosí sarà perfetta. Che viene a dire questo, ch'io vo' dire? Viene a dire, che io ho tanto compreso, ch'io cognosco ch'elli sònno di due ragion genti. So' de' pecoroni, e so' de' rincagnati; e cosí voglio dire a voi, come io dissi in Lombardia, dimostrando lo' la verità. Che era uno capitano in una loro città, e per stare alto e magno, elli dava a colui la casa che era di quello uscito, ed a quell'altro dava la sua vigna, ed a quell'altro il suo bestiame; ed a quel modo era amato, e facevasi grande della roba del compagno. E se consideri, anco so' di quelli che hanno un altro esercizio nel loro vivare: come pure ine intervenne, che volendo uno tornare a casa sua e fare bene, fu detto a quel signore. Infine, perché a colui gli era voluto bene, elli vi si recava molto mal volentieri. E tornato costui, elli commise a uno suo confidato famiglio, che ordinasse che costui capitasse male. E 'l famiglio, per compiacere al signore stava attento, perché questo gentile uomo capitasse alla intenzione del capitano; ed infine fu cognosciuto come costui era odiato. E volendo il capitano scusarsi, fece pigliare questo famiglio, e fecelo impiccare per la gola; che con tutto ch'elli fusse suo amico, perché elli era pòvaro, ne fu fatto poco conto: che il suo signore tenne piú caro, che non si sapesse quello che aveva ordinato, che elli non tenne caro il suo famiglio. E questo fu ferro che passò dentro, insino che gli diè la morte. Non aveva buona corazza costui. Un altro è armato di corazza che è tutta d'acciaio; anco non è bene armato. E sai chi so' coloro? So' quelli che si mettono in battaglia, sai. O tu che ti metti a grandi pericoli, che spesse volte vi se' tagliato a pezzi; imperoché la tua gagliardía va saltando, come pezzi d'acciaio, e tu rimani colà in terra morto.

novelletta precedente novelletta successiva
novellette
  • Good&Cool
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies e altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra informativa sui cookies.
OK