IL PALIO.SIENA .IT

Le lettere di Santa Caterina

Tratte da: "Le Lettere di S. Caterina da Siena - ridotte a miglior lezione e in ordine nuovo disposte con proemio e note" di Niccolò Tommaseo (G. Barbera, editore - 1860)

Ricerca  


lettere

CCCIX - A Giovanni da Parma in Roma

Al nome di Gesù Cristo crocifisso e di Maria dolce.


Carissimo fratello in Cristo dolce Gesù. Io Catarina, serva e schiava de' servi di Gesù Cristo, scrivo a voi nel prezioso sangue suo; con desiderio di vedervi fondato sopra la viva pietra, Cristo dolce Gesù; perché in altro modo non si potrebbe porre edificio che bastasse; ma, giungendo il vento contrario, subito darebbe a terra. Ma l'anima ch'è fondata in questa dolce pietra, cioè che sèguita la dottrina di Cristo crocifisso, non viene mai meno.


Che dottrina è questa che c'insegna il dolce e amoroso Verbo, il quale è detto pietra viva? E dove ce la insegna? Non in delizie nè in diletti del mondo, ma in su la mensa della santissima croce. Questa c'insegna amare Dio in verità, odiando il vizio, e la propria sensualità cheè cagione del vizio; e amare la virtù, ed esso Dio che è cagione d'ogni virtù. Insegnaci obbedire a' comandamenti della legge, e a farci venire in amore e' consigli: fàcci concepire il desiderio di volerli acquistare in su lamensa della santissima croce, dove l'anima si veste della carità di Dio e del prossimo suo.


Ma attendete, chè questo non si può imparare senza il lume, nè senza l'obietto del libro. Onde ci è bisogno che l'occhio dell'intelletto sia alluminato col lume della santissima fede, e il libro sia scritto, sì che nella scrittura impariamo la dottrina. Se io ragguardo bene, carissimo fratello, Dio ci ha dato l'occhio dell'intelletto, e dentrovi illume della fede; il quale lume non ci può essere tolto nè da dimonio nè da creatura, se già non cel tolliamo coll'amore proprio di noi medesimi. E hacci dato il libro scritto, cioè il Verbo del Figliuolo di Dio; il quale fu scritto in sul legno della croce, non con inchiostro ma con sangue, con capoversi delle dolcissime e sacratissime piaghe di Cristo. E quale sarà quello idiota grosso, di sì basso intendimento che non le sappia leggere? Non ne so veruno, se non gli amatori propri di loro medesimi. E questo gli addiviene non perché non sappiano, ma perché non vogliono. Sicchè, egli è scritto: onde noi troviamo nel capoverso de' piedi, ch'egli li ha confitti acciocchè conficchiamo l'affetto in Lui, spogliandolo d'ogni disordinata volontà, che non cerchi nè voglia altro che Cristo crocifisso. Volendo giugnere al Padre eterno col mezzo di questa Parola incarnata, libro scritto; desiderando di portare ogni pena senza colpa, e pene di corpo e pene di mente, quando Dio gli permette le molte cogitazioni e molestie dal dimonio, o battaglie delle creature, ogni cosa portare per gloria e loda del nome suo. E tenendo per questa via, seguiterà e adempirà in sè quella parola che disse il nostro dolce Salvatore, quando disse: «Neuno può andare al Padre se non per me». Egli è la via e la verità; e chi va per Lui, va perluce, e non giunge alle tenebre. Per questo modo conficca e' piedi dell'affetto suo; tenendo per la via della verità. Giungendo al costato di Cristo crocifisso, trova la vita della Grazia; perocchè, spogliato l'affetto dell'uomo, con odio santo, del vizio e della propria passione sensitiva (il quale odio ha trovato in questo libro scritto, che tanto ci l'odiò, che egli 'l volle punire sopra il corposuo); egli trova l'amore cordiale delle vere e reali virtù nel cuore aperto: la quale apritura manifestò a noi il cordiale e affocato amore, facendoci bagno del sangue suo; il qual sangue fu intriso col fuoco della divina carità, perché per amore fu sparto; perocchè per amore dell'onore del Padre, e salute nostra egli corse, come innamorato, all'obbrobriosa morte della croce, per compire l'obedienzia del Padre eterno. Bene è vero, adunque, che c'insegna la dottrina in su la mensa della croce; imparando da lui ad esser umile e mansueto di cuore: colla quale umiltà e mansuetudine osserviamo e' comandamenti dolci di Dio, e siamo obedienti. Ove gli abbiamo trovati? Nel libro. Con che lume? Col lume della santissima fede. Così stiamo nella fame dell'onore di Dio e salute dell'anime; ricevendo in noi la vita della Grazia. A mano a mano noi leggiamo nel capo spinato di Cristo crocifisso, e nella bocca sua; crociando il capo spinato della nostra propria volontà, che drittamente è una spina che punge e tormenta l'anima che se ne corona, tenendo questo capo della perversa volontà fuori della dolce volontà di Dio. Nel dolce capo spinato di Cristo crocifisso perdiamo questa dolorosa spina. Allora troviamo la pace nella bocca sua: che nell'amaritudine del fiele e dell'aceto delle nostre iniquità le quali furono drittamente uno fiele amarissimo e aceto che ci tolse la fortezza della Grazia; conformandosi l'anima nostra, e vestendosi della dolce volontà di Dio, gustiamo la pace sua, la quale egli acquistò con grande amaritudine; cioè pacificando Dio coll'uomo, essendo stato lungo tempo in guerra con lui. E però dice il glorioso Paolo che Cristo benedetto è nostra pace, facendosi tramezzatore tra Dio e l'uomo. Anco ci ammaestra il dolce Apostolo che noi ci riconciliamo e facciamo pace con lui, poichè egli è venuto, come nostro tramezzatore. Seguitando questa dolce e dritta via, riceveremo il frutto di questa pace in questa vita; mangeremo le mollicole della Grazia, e nella vita durabile vivande compiute e perfette, le quali danno perfetta sazietà senza veruno difetto. Onde volendocelo mostrare il glorioso dottore Agustino, dice che v'è sazietà sanza fastidio, e fame senza pena. Di lunga è la pena dalla fame, e il fastidio dalla sazietà: poichè, gustato che ha l'anima la pace, e giunta a tanto diletto, ella haletto e legge continuamente nelle mani chiavellate del Figliuolo di Dio, facendo tutte le sue operazioni spirituali e mentali confitte nella volontà di Dio, facendole per gloria e loda del nome suo. Se ella è operazione mentale, che egli eserciti la mente sua in dirizzarla e ordinarla nella divina carità; sempre il cuore vi sta confittocon tutti quanti gli altri esercizi che la creatura piglia pergiugnere a virtù in molti e diversi modi, secondo che Dio permette, ed egli è atto a ricevere: tutte sono fatte col santo timor di Dio, confitte in croce. Chè già non vorrebbe il vero servo di Dio adoperare e passare questa vita senza pena. Anco, vuole tollere la croce sua, e seguitare Cristo con ogni verità, e con costanzia e pazienzia e longa perseveranzia infino alla morte; perché egli è fondato sopra la viva pietra, e ha imparata la dottrina nel libro scritto, come detto è, col lume della santissima fede. E però non s'è ritirato per pena da perseverare nella virtù: anco, èssi dilettato nelle pene, siccome l'umile Agnello che non si ritrasse dalla salute nostra e obedienzia del Padre per pena nè per morte nè per nostra ingratitudine, nè per detto de' Giudei che dicevano: «Discendi della croce, e credereniti». Questo adunque impara la dottrina della perseveranzia da lui. Se non fosse fondato sopra questa pietra, vollerebbe il capo addietro, e temerebbe dell'ombra sua; in ogni cosa verrebbe meno. E però vi dissi che io desideravo di vedervi fondato sopra la viva pietra Cristo dolce Gesù; e così vi prego che facciate. E io son certa che se voi leggerete in questo libro dolce; il libro vostro, donde pare che siate sì tribulato, non vi darà fadiga veruna. Se il libro, v'è detto che si scosti dalla verità e dalla dottrina de' Santi approvati dalla santa Chiesa, lasciatelo stare (o voi il fate correggere) e non l'usate più. Attenetevi a quelli che voi sete certo che si conformano con la verità. E se voi aveste pena di coscienzia; facendovi vedere il dimonio, per farvi venire a confusione di mente: «Mira quanto tempo sei stato in su questo errore! Tu ti credi avere servito a Dio, e tu hai servito e fatto riverenzia al dimonio»; non gli dovete credere, ma col lume vedere che Dio ragguarda la buona e santa volontà con che noi adoperiamo; poniamochè il libro letto non fusse secondo Dio perocchè solo la mala volontà è quella che fa il peccato, e altro no. Onde alla volontà è dato il peccato e la virtù, secondo ch'ell'ama o l'uno o l'altra. Adunque per neuna di queste cose dovete stare in tanta afflizione; ma dovete levareogni pena come uomo virile, come detto è; e con la dolcezza del dolce umile Agnello caccerete questa amaritudine.


Altro non vi dico. Permanete nella santa e dolce dilezione di Dio. Gesù dolce, Gesù amore.

lettera precedente lettera successiva
lettere
Lettera di Santa Caterina
Lettera di Santa Caterina a Stefano Maconi

 
  • Good&Cool
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies e altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra informativa sui cookies.
OK