IL PALIO.SIENA .IT

Le lettere di Santa Caterina

Tratte da: "Le Lettere di S. Caterina da Siena - ridotte a miglior lezione e in ordine nuovo disposte con proemio e note" di Niccolò Tommaseo (G. Barbera, editore - 1860)

Ricerca  


lettere

CCLXXXI - A Neri di Landoccio

Al nome di Gesù Cristo crocifisso. e di Maria dolce.


Carissimo e dolcissimo figliuolo in Cristo dolce Gesù. Io Catarina, serva e schiava de' servi di Gesù Cristo, scrivo a te nel prezioso sangue suo; con desiderio di vedere in te il lume della santissima fede acciocchè mai di neuna cosa che t'avvenga, mai ti scandalizzi; ma in tutti e' misteri di Dio si pacifichi la mente tua, ragguardando l'amore ineffabile che mosse lui a trarci di sè creature ragionevoli, e dare a noi la imagine e similitudine sua, e a ricomprarci del sangue dell'umile e immacolato Agnello. Facendo così, ciò che ti avverrà, averai in debita riverenzia, e con vera umiltà annegherai ogni suo parere, quando alcuna volta per illusione del dimonio ti paresse vedere escire le cose fuore dell'ordine loro, per molte occupazioni mentali, e molti dolci tormenti corporali. Non dico più. Permani nella santa e dolce dilezione di Dio. Cristo benedetto ti doni la sua eterna benedizione. Gesù dolce, Gesù amore.

lettera precedente lettera successiva
lettere
Lettera di Santa Caterina
Lettera di Santa Caterina a Stefano Maconi

 
  • Good&Cool
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies e altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra informativa sui cookies.
OK