IL PLI.SIEN .IT

Novellette di San Bernardino

Tratte da: G. Carabba editore - Lanciano, stampa 1916

Ricerca  

novellette
Esempi e detti morali

La maldicenza (IV)

Chi mi detrae, mi manda in su, e chi mi loda, mi manda in giú. E perché io so' andato gran pezzo attorno, io ho udito di me quello che se n'è detto. Quand'io so' voluto andare da uno luogo a un altro, elli si dice in quello luogo dove io voglio ire: "O, o, o! Che è? Che è? O, o! Frate Bernardino viene;" e tale è che ne dice bene, e tale ne dice male. E se io truovo uno che ne dice bene di me, elli son cento che ne dicono male. E non è niuna cosa che facci temere me piú di me, che uno dica bene di me; e io cognosco quello che io so'. E io so' meglio quello che io so', che non sa colui che mi loda; imperoché io bazico sempre con meco, e so l'opere mie; e perché io mi cognosco, sempre temo. Unde piú mi fa utile chi mi biasima, che chi mi loda. Cosí diceva santo Francesco: "Meglio mi fa chi mi biasima, che chi mi loda; imperoché chi mi biasima mi manda in su, e chi mi loda mi manda in giú".

novelletta precedente novelletta successiva
novellette
  • Good&Cool
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies e altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra informativa sui cookies.
OK